Philip Rosedale, fondatore di Second Life, dà le dimissioni da CEO di Linden Lab. Notizia ufficiale.

Philip Rosedale, il fondatore di Second Life e, finora, CEO di Linden Lab, ha annunciato il 14 marzo di rinunciare alla sua poltrona di amministratore delegato della società.

«Abbiamo deciso di trovare un nuovo CEO» ha dichiarato Rosedale nel blog ufficiale di Second Life.

«Ritengo che il più importante contributo che ho dato e continuerò a dare nella creazione di Second Life – prosegue Rosedale – si riferisce alla realizzazione sia del prodotto che della compagnia grazie al mio apporto di idee, strategie e progettualità. Con la crescita della società il ruolo del CEO deve essere quello di assumere e far crescere il team operativo più adatto a seguire le migliaia di persone e le decine di milioni di utenti di Second Life. Credo che possiamo assumere una persona straordinaria capace di svolgere questo ruolo e in questo modo di dare a me la possibilità di concentrarmi totalmente sul lavoro che faccio meglio».

Rosedale riserverà a sé il titolo di presidente del consiglio di amministrazione, mantenendo interamente il suo coinvolgimento nelle attività decisionali che concernono Linden Lab. «Intendo focalizzare la mia attività nell’elaborazione della strategia legata al prodotto Second Life – precisa Rosedale – continuando a delineare le linee di sviluppo più congeniali alla compagnia, oltre a essere un efficace comunicatore di ciò che rappresenta Second Life».

Sostanzialmente sembra una scelta finalizzata alla crescita, dal momento che Rosedale non ha effettivamente le competenze per seguire l’andamento di un’azienda che sta assumendo rapidissimamente il profilo di una grande compagnia. La ricerca di un amministratore delegato più esperto nella gestione aziendale è evidentemente il segno di una svolta che Linden Lab ha ben chiara nella sua politica aziendale. Non più un’azienda composta da geek genialoidi che continuano a vivere in laboratori informatici da cui partono grandi idee che si avvoltolano su se stesse, ma un’impresa più orientata al mercato e alla capitalizzazione del bagaglio di competenze e di successi finora conseguiti.

In sostanza, quella avviata è una saggia prospettiva di sviluppo, che punta a un avveduto consolidamento della posizione di privilegio raggiunta fin qui.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...